"Lapam for Open Source": progetto che vede impegnata la nostra associazione nel donare computer open source a istituti scolastici della nostra provincia


04/04/08 – Lapam Federimpresa intende promuovere la cultura "OPEN SOURCE" all'interno del sistema scolastico modenese, dando il proprio fattivo contributo affinché questa tecnologia prenda sempre più piede e sia sempre più utilizzata da parte dei giovani.

Lapam Federimpresa, infatti, ha deciso di mettere a disposizione delle scuole primarie e secondarie di Modena e provincia che ne facciano richiesta, i computer fino ad oggi utilizzati dai propri dipendenti. Questi computer sono dotati di sistemi operativi GNU/LINUX, cioè di tecnologie cosiddette open source, per promuovere la diffusione della cultura informatica 'libera' e svincolata dai costi di licenza.

La cultura ‘open source’, o ‘codice aperto’, ha la particolarità di rendere accessibile e modificabile agli utenti il codice del software in modo che ognuno possa adattarlo alle proprie esigenze.

Lapam Federimpresa ha scelto da tempo, pioniera in provincia di Modena, i sistemi Linux operanti in open source grazie a Metodo (azienda informatica del gruppo Lapam Federimpresa ), ottenendo da una parte considerevoli risparmi in costi delle licenze e dall'altra autonomia operativa per i propri sistemi informatici; ed è convinta di quanto questa iniziativa possa formare i giovani che saranno poi in grado di utilizzare diverse tipologie di sistemi operativi e probabilmente di creare programmi più adatti agli obiettivi che vogliono raggiungere.

Il progetto 'Lapam for open source' assume un significato particolare poiché da una prima indagine vi è un forte interesse per il progetto da parte di diverse scuole di ogni ordine e grado, soprattutto nelle realtà medio piccole della provincia, scarsamente dotate di risorse e mezzi.

L'impegno organizzativo e finanziario che Lapam Federimpresa mette in campo è assai rilevante, ma si ritiene che questo impegno abbia un significato culturale e sociale importante, tale da giustificare l’investimento. L’open source è il futuro per quanto riguarda le aziende, ma senza dimenticare gli stessi enti locali che potrebbero avere risparmi di risorse molto significativi; è quindi giusto che i ragazzi abbiano la possibilità di abituarsi ad usare questo tipo di sistema operativo così da limitare i problemi se e quando si troveranno a dover usare ‘l’open source’.
(Autore: Paolo Seghedoni)


Per saperne di più: